IN EVIDENZA

Bandi 2017 del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, delle Regioni e Province autonome, per la selezione di 1.849 volontari da impiegare in progetti di Servizio civile nazionale in Italia e all'estero. La scadenza è il 26/06/2017 ore 14:00.

Modalità di invio delle domande

La domanda di partecipazione, indirizzata direttamente all'ente che realizza il progetto, deve pervenire allo stesso entro e non oltre le ore 14:00 del 26 giugno 2017. Le domande pervenute oltre il termine stabilito non saranno prese in considerazione. Si precisa che non farà fede il timbro postale.

Le domande devono essere presentate esclusivamente secondo le seguenti modalità:

                     1.     a mezzo "raccomandata A/R";

                     2.     a mano;

·                  3.     con Posta Elettronica Certificata (PEC) di cui è titolare l'interessato avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf. La domanda inviata tramite PEC dovrà indicare come oggetto della mail "Domanda di partecipazione Bando Servizio Civile 2017". Si prega di inviare tutto il materiale allegato in un unico file.

*ATTENZIONE: Con il dominio gratuito "@postacertificata.gov.it" è possibile inviare comunicazioni soltanto agli enti pubblici.

E' possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile Nazionale. La presentazione di più domande comporta l'esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti inseriti nei bandi innanzi citati.

N.B. Prendere visione del testo del bando

Bando Nazionale


Titolo progetto:  - CONSUMO DUNQUE SONO – PIEMONTE – SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Settore: Educazione e Promozione Culturale

Area di Intervento: Sportelli informa     · 

Sede protocollo: Via Pedrotti, 25 - 10152 - Torino

Numero Volontari: 2

Scarica domanda Servizio Civile : --> QUI

Scarica progetto - Consumo Dunque Sono   --> QUI

CALENDARIO COLLOQUI SERVIZIO CIVILE 2017 SCARICA QUI

 



  


  

Gentile risparmiatore,

con la presente le ricordiamo che il 30 settembre scadono i termini per la presentazione al FITD (Fondo interbancario) delle istanze per ottendere l'indennizzo forfettario al 100% in favore degli obbligazionisti subordinati che hanno i requisiti richiesti. Tali requisiti sono:

- l'aver acquistato le obbligazioni subordinate entro la data del 12.06.14;

- avere un reddito complessivo ai fini IRPEF calcolato al 31.12.14 inferiore a € 35.000,00 ovvero un patrimonio posseduto al 31.12.2015 inferiore a € 100.000,00.


Obbligazionisti subordinati interessati sono in totale 6000. Le obbligazioni che danno accesso al fondo hanno i seguenti codici:


Emissioni per Popolare di Vicenza in perimetro :


IT0004657471 BPV 4,60 2017 SUB.1 sottoscritta e negoziata sia in cnp diretta che sul mercato da clientela


IT0004724214 BPV ZC 11/18 17A SUB caricata in sostituzione delle polizze e negoziata sia in cnp diretta che sul mercato da clientela *

IT0004781073 BPV 11/18 18A SUB LT sottoscritta e negoziata sia in cnp diretta che sul mercato da clientela

*Emissione sulla quale il FITD non si è ancora pronunciato sulla sua ammissibilità o meno



Emissioni per Veneto Banca in perimetro:


IT0004241078 VENETO BANCA 2007/2017 TV SUBORDINATO (LOWER TIER 99)


IT0004352784 CASSA RISP FABRIANO E CUPRAMONTE 2008/2048 TV SUBORDINATO


IT0004865041 VENETO BANCA 2012/2022 TF 10% SUBORDINATO (L.TIER II)


XS0337685324 VENETO BANCA EMT TIER I SUBORDINATO 21/12/07 PERP CALL 2017


IT0004494941 VENETO BANCA SUBORDINATO 2009-2019 TF/TV (L. TIER II) 352 C.



Per Veneto Banca risultano sporadiche negoziazioni.


Le istruzioni per la presentazione dell'istanza le trovate al seguente link nonchè alle nostra mail già in precedenza inviata: https://www.fitd.it/Home/FDS_pres_venete

Ribadiamo che per chi non dovesse rientrare in tali parametri e quindi si vede precluso l'accesso al fondo resta ad oggi quale unica via quella della presentazione dell'istanza di ammissione al passivo della procedura di liquidazione coatta amministrativa delle banche venete e/o la costituzione di parte civile nell'eventuale procedimento penale.Il termine per la presentazione delle istanze di ammissione è ulteriormente prorogato ai 60 giorni che decorrono dalla pubblicazione dei due DM mentre per le costituzioni di parte civile non sono ancora iniziati a decorrere eventuali termini per la costituzione.

Abbiamo provveduto a denunciare per quanto riguarda gli obbligazionisti sub la ristrettezza dei termini per presentare l'istanza di accesso al fondo nonchè i criteri penalizzanti adottati per il calcolo del patrimonio mobiliare al 2015 ed il grave ritardo nella consegna dei necessrai documenti da parte di Intesa al consumatore. Abbiamo anche rilevato che Intesa ha provveduto in maniera automatica a far sottoscrive agli obbligazionisti subordinati i modelli per l'accesso al fondo raccogliendo autocertificazioni inveritiere poichè non è stata spiegata allo sportello della banca al consumatore la valenza di tali dichiarazioni che, se mendaci, portano all'apertura di un procedimento penale nei confronti dei risparmiatori.


Per gli azionisti stiamo continuando l'interlocuzione col Governo per l'accesso al fondo.

A disposizione per ogni necessità vi invitiamo a contattare le nostre sedi territoriali.



Emilio Viafora


Presidente Federconsumatori

 



  

IPOTESI DI RECUPERO DELL'IVA APPLICATA ALLA TIA

(Tariffa Igiene Ambientale)

SOLO PER I NON  RESIDENTI A TORINO

Un chiarimento dovuto, viste le moltissime richieste che ci stanno pervenendo in

merito al  rimborso dell'IVA sulla Tia. E' importante tenere in considerazione, visto

che si tratta di una questione piuttosto datata, dei termini di prescrizione.

 Alla luce di questi ultimi è possibile richiedere il rimborso solo per gli ultimi due anni di

applicazione della TIA per un importo irrisorio. Il rimborso non è automatico,

bisogna vincere una causa per richiederlo.

Si rammenta altresì che non tutti i Comuni applicarono la TIA perdurando

nell'applicare la Tarsu, in ogni caso priva della quota di IVA. Inoltre il regime

tributario è mutato e oggi trova applicazione in tutta Italia la TARI, tributo  privo di

IVA.

In molti casi le nostre sedi vi stanno giustamente rispondendo che sarebbe

antieconomico richiederlo: il bilancio tra le spese per la causa e l'importo del

rimborso comporterebbe un sostanziale azzeramento del beneficio.

Nulla toglie che, chi volesse appellarsi ad una questione di principio, ha diritto a

farlo agendo, a propria cura e spese, presso le sedi di giudizio competenti

Maggiori dettagli circa la vicenda sono consultabili al sito nazionale di....

CLICCA QUI

 

Negli ultimi tempi i tassi d’indicizzazione sono diventati negativi e questo ha inciso fortemente nella corretta determinazione del tasso variabile e di conseguenza sull’importo della rata da  pagare relativa ai contratti  di mutuo a tasso variabile.                                                                                                    

Per maggiori informazioni clicca qui


 
COMUNICAZIONE PER GLI AZIONISTI: VENETO BANCA, BANCA POPOLARE DI
VICENZA

Gli azionisti della Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza possono rivolgersi alla nostra associazione al fine di ottenere indicazioni da parte dei nostri consulenti legali circa le possibili azioni giudiziali.                                                                                                                                                           

Per maggiori informazioni clicca qui

 

 
SOVRAINDEBITAMENTO

La Legge 3/2012 (cd. Legge “ salva suicidi”), permette al consumatore di risolvere i propri debiti senza  essere costretto a pagare per tutta la vita attraverso un piano di rientro.                                               

Per maggiori informazioni clicca qui



 

 
Contattaci


Scrivici o vieni a trovarci nella sede a te più vicina
Eventi e iniziative

Consumatore informato, consumatore tutelato